Let’s share Eat!

Avete mai provato l’esperienza unica di una cena a casa di sconosciuti? Noi sì, e il tema di cui vogliamo parlarvi oggi è quello dello sharing food!

Questa è l’occasione in cui cuochi non professionisti organizzano cene a casa propria ospitando vecchi e nuovi amici conosciuti su community web e portali.

La socializzazione è l’obiettivo principale della serata.

fullsizeoutput_568

Come funziona?

Il cuoco si iscrive al portale, fissa il menù, il prezzo, il numero di participanti e il termine per le prenotazioni; il  portale trattiene una parte dell’incasso come corrispettivo per l’utilizzo del servizio offerto al cuoco. Ecco la lista degli ingredienti:

  • Passione per la cucina
  • Socializzazione
  • Curiosità
  • Predisposizione alla socializzazione

fullsizeoutput_573

\Vivere un’esperienza simile ci ha posto davanti al lusso della vera unicità del momento: conoscere Alessandro, chef amatoriale e artista, ha consentito a noi di immergerci nella sua vita più intima, il suo atelier, e di poter respirare attraverso lui quanto amore e passione ci sia nel prepararsi ad occasioni di incontro come quelle delle sue cene.

fullsizeoutput_569

Quindi buon appetito e… Let’s share Eat!

Valeria Brazzoli

Carlo Cirillo

Anna Maria Kinsky Dal Borgo

Francesca Pollastro

Erica Renzoni

Camilla Titomanlio

Salone Nautico: Lifestyle e/o Lusso?

Giornata soleggiata a Genova venerdì al Salone Nautico nella sua cinquataduesima edizione.Meno gente, meno barche ma lì con il lusso e il lifestyle non si scherza davvero.

Fonte: Google Immagini

Presenti come sempre i colossi come Azimut e Ferretti in stand organizzati ad opera d’arte con barche esposte in tutta la loro bellezza. Si può notare come i due target di riferimento in questo contesto siano diversi anche nel modo di apparire e non si sbaglia quasi mai. Il velista per eccelenza è ovviamente quello in abbigliamento tecnico colui che il mare lo vive realmente, con le mani consumate dalle corde il volto abbronzato da quella traversata che gli ha fatto vivere quel mondo meraviglioso che è il mare. Colui che invece va lì per una barca a motore molto spesso è quelo tutto “pettinato” che del mare gli interessa, ma gli può anche esser indifferente, perchè quando ti trovi su 35 metri di scafo non sei in mare ma sei a casa. L’arredamento diventa parte predominante del vivere il mare e la propria barca, e rendere quel posto così speciale che la barca diventa una casa galleggiante per le semplici vacanze. Trovo brutta l’idea di dire ho la passione per la barca se poi in barca “non” ci stai perchè la si usa solo per 15 giorni l’anno.
Barche che comunque hanno dell’incredibile.
Ma meglio lasciar giudicare a voi. Lifestyle o lusso?

Fonte: Google Immagini

Fonte: Google Immagini

Il lusso Made in Italy in “putonghua”

“Quando tutti intorno a te dicono NO, tu dovrai dire SI”, mi disse così anni fa una mia amica quando decisi di imbarcarmi nella mia avventura “esotica”, così mi piace chiamarla.

Nasco in un piccolo paese dell’entroterra siciliano in cui ci si conosce tutti, si sa tutto di tutti e se qualcuno tenta di fare qualcosa di inconsueto è etichettato come strano, incompreso, folle. Sono stati folli i miei genitori quando mi hanno permesso di andare a Venezia per studiare cinese… sacrilegio! Io ancora più folle quando mi sono trasferita a Pechino per un anno.

È stato così che ho iniziato ad appassionarmi a quel mondo così lontano e diverso dal mio. Capire il popolo asiatico è molto difficile e nonostante parlassi la loro stessa lingua accedere al loro “piccolo” mondo di tradizioni millenarie non è stata certo impresa facile.

Tornata in Italia ho capito di avere tra le mani un bene prezioso e tutti coloro che anni prima mi avevano dato della matta, si erano dovuti ricredere. Tuttavia in quel momento la domanda era: come sfruttare al massimo questo sapere?

Louis Vuitton è stato il primo ad aprirmi le porte e l’esperienza di un anno di lavoro nella loro Boutique di Venezia mi ha permesso di capire quali fossero le mie attitudini, le mie lacune e cosa avrei voluto fare nella vita.

Image

Il mio primo approccio con il mondo del business di lusso? Permettetemi di dirlo, traumatico. Orde di cinesi in fila per una Neverfull, alcuni davanti al bancone centrale e altri dietro accanto a me, traduzioni telefoniche con i clienti del piano di sopra, passaporti da controllare e potrei continuare all’infinito. Nonostante tutto questo, ho compreso con chiarezza quanto gli asiatici amino i marchi di lusso europei e quanto amino inoltre l’Italia.

Il concetto che noi italiani abbiamo del lusso è stato scardinato dalle vecchie idee di ostentazione e di status symbol ma per un mercato che non si può più definire emergente, qual’è quello cinese, quelle idee sono appena nate e allora perché non provare a trasmettere loro un po’ di più di quello che sappiamo fare e di quanti modi esistano per condurre una vera  “vita di lusso”?!

Il lusso di fare colazione nel giardino di casa mia, di fare una passeggiata a piedi nudi sulla spiaggia all’ora del tramonto, bere un buon bicchiere di vino in compagnia del suo produttore, ammirare un’opera d’arte nel silenzio profondo di una sala museale, ascoltare la mia canzone preferita dal vivo all’arena di Verona con tanto di luci suggestive… questo è il vero lusso per me.

Il “lusso esperienziale” è quello di cui forse noi siamo più affamati e mi piacerebbe molto poter usare il “putonghua” (lingua cinese) per condividere con loro il nostro “italian lifestyle”.