Milano & il Trendsetting

Gucci, Temakinho, MiuMiu, LùBarCeresio 7.

Se leggi questi nomi a che cosa pensi? Cos’è un trend per te?

Ecco come siamo arrivate ad una risposta: chiedendo a ragazze, incontrate nel quadrilatero della moda milanese, quali fossero i luoghi e i prodotti più visti del momento. Per un pomeriggio ci siamo improvvisate giornaliste, portando ”alto” il nome de Il Sole 24 Ore…peccato però che solo pochi si siano lasciati intervistare. Tra modelle, fashioniste e studenti, abbiamo notato come tutti siano ”addicted” ai mondi del food e del fashion.

#FOODMANIA_ Sono tantissime ormai le persone che postano continuamente foto dei propri piatti, in particolare il sushi.

3

Temakinho è nella top ten tra i giovani milanesi, famoso per il suo mix tra cucina brasiliana e giapponese, culture così dista
nti tra loro e vincenti sotto il punto di vista gastronomico. Ormai ciò che fa tendenza sono i vari accostamenti culinari con la cucina nipponica, ma non riferiti esclusivamente alle culture vicine come quella cinese o thailandese, quanto piuttosto alle nuove cucine emergenti quali peruviana, hawaiana, messicana. Sono molti i ristoranti che stanno riprendendo questo concetto.

2

Infatti, tra le vie di Milano, spuntano locali con cucina Nikkei, fusion nippo-peruviano, o un mix tra Hawaii e Vietnam. Ormai più è fusion, più è cool.

Certamente i trend vengono lanciati dagli stilisti, attualmente sono però gli influencer ad orientare le tendenze.

Prima che Chiara Ferragni postasse su Instagram una foto al LùBar, ne avevate mai sentito parlare? Questo è il tipico esempio di come un luogo acquisisca notorietà e diventi popolare in una città come Milano, polo da cui tutto ciò che è fashion e trendy ha inizio.

4

#BAGHAOLIC_ Questa è la hit bag del momento, e noi decise a chiedere informazioni ci siamo recate nello Store di Gucci in via Montenapoleone.

5

E’ stato più difficile del previsto: sono trascorsi diversi minuti prima che qualcuno ci desse retta. Nessuno poteva rilasciare particolari informazioni, tuttavia lo Store Manager, tra le righe, ci ha confermato che è proprio la Dyonisus ad essere la borsa più venduta dell’ultimo periodo.

Non avendoci potuto fornire il motivo dietro ad un tale aumento dei volumi di vendita, abbiamo cercato di rispondere noi a questa domanda, prendendo come esempio ciò che vediamo tutti i giorni sui social. Una delle ragioni di questa #GUCCIMANIA è sicuramente l’avvento del nuovo direttore creativo, Alessandro Michele, designer eclettico e 6visionario. Ha saputo infatti rilanciare lo storico marchio fiorentino riprendendo la classicità della maison, reinterpretandola in chiave innovativa e più attraente. Il marchio Gucci, per queste ragioni, e per le altre iniziative artistiche intraprese, è riuscito così a creare intorno a sé quel fervore mediatico tale da renderlo il brand iconico del momento.7

Non sono solamente le ondate creative dello stilista ad innalzare gli acquisti, ma è soprattutto la potenza mediatica delle immagini, postate dalle influencer che li orientano. Attualmente queste hanno la capacità di provocare una reazione, positiva o negativa che sia, nelle persone intorno a loro, influenzandone i gusti e i comportamenti d’acquisto.

Quindi negli anni la diffusione dei trend si è evoluta con la rivoluzione del digitale. In passato si attendevano le campagne pubblicitarie dei brand o alcuni spezzoni di sfilate, pubblicate ogni sei mesi sulle riviste del settore, per conoscere cosa sarebbe andato nella prossima stagione. Ora basta un click!

Non ci sono più attese, né intermediari. Tutto è immediato, e questa costante sintonizzazione ci permette di partecipare in prima persona alla vita del brand.

In un mondo in cui la gran parte delle decisioni d’acquisto vengono prese online (le stime parlano infatti di 17 milioni di italiani al mese connessi), ci si potrebbe orientare verso sistemi digitai negli e-commerce moda più evoluti. Ad esempio se tutti noi avessimo la possibilità di selezionare un prodotto e poi customizzarlo secondo il nostro modo di essere, chi sarebbe più disposto a recarsi in negozio quando potrebbe bastare un semplice click per godere di una vera e propria esperienza sensoriale digitale?

A cura di

Lodovica Bergamini – Livia Maulucci – Edna Ottavi – Paola Balsamo – Sofia Lombardo

 

 

 

Annunci

The Sartorialist – Trend o modo di essere?

17 maggio, nemmeno il tempo di metterci a nostro agio e siamo stati subito messi alla prova, per essere in grado di lavorare in team ci è stato dato un obiettivo da raggiungere e un tema da sviluppare: Milano e il Sartorialismo.

Così è iniziato il nostro reportage, concentrandoci su quella che sembrava la strada più appropriata e realizzando ricerche sulle sartorie milanesi, e sull’abito Made to Measure maschile. “Semplice!”, pensavamo, ma niente di più sbagliato è uscito dalla nostra bocca e Google non ci ha certamente aiutati nella ricerca. Sartorialismo, sartorialista ma i risultati non erano le classiche definizioni da Treccani, fino a che una lampadina si è finalmente accesa illuminandoci d’immenso: The Sartorialist .

Un blog, un modo di essere, uno stile di vita, una persona… Scott Schuman. Cliccando e ricliccando si è aperto un mondo quando abbiamo scoperto che “la definizione di Sartorialista è usata per descrivere una persona ben vestita o che indossa qualcosa di moderno e all’avanguardia, che la gente non abbia ancora identificato come tendenza.”

E chi, meglio di Lino Ieluzzi, proprietario della boutique storica Al Bazar di Milano, poteva rappresentare questo ideale di eleganza maschile e, ancor più, ambasciatore del Made In Italy?E quindi via, con zaini in spalla e smartphone (al nostro posto un vero sartorialista avrebbe forse portato una Reflex vintage??), pronti a raggiungerlo.

Lino, quasi come un perfetto proprietario di casa, ci ha aperto immediatamente le porte del suo negozio, dandoci non solo la possibilità di visitare il suo angolo di meraviglie ma permettendoci di intervistarlo, quasi si trattasse di una chiaccherata tra amici a casa sua, nel cortile del suo negozio.

È tutto partito dal significato del buon gusto e del ben vestire:

“Ci sono alcune regole del modo di vestire che un tempo si seguivano. Io ritengo che oggi, più che tornare a delle regole e schemi, ci sia la necessità di tornare al buon gusto. Molte volte quando una persona si veste con uno stile poco comune viene definita Sartorialist, ma non è tanto quello, è solo buon gusto, è solo tornare all’origine, tornare a vestirsi come noi italiani siamo abituati a fare, visto che purtroppo negli ultimi anni molto si è perso”.

Ma in cosa consiste quel non so che tutto all’italiana di cui ci parla Lino? Con nonchalance, il nostro nostalgico amico si autodefinisce un’icona del buongusto, ma con una componente in più rispetto alla normalità, ovvero l’estro. Completa ogni suo look con dettagli unici e di grande valore, non usa colori come il nero ma gioca con ogni tono del turchese, senza mai scadere nel banale e nel kitsch.

Proprio per il valore e l’eleganza che Lino riesce a trasmettere, con uno stile classico ma completamente rivisitato e unico, è uno dei soggetti preferiti per il nostro Scott Schuman, fotografato a ogni evento di moda, fin da quando era un giovane ragazzo con la bandana alla testa e i pantaloni a zampa. Questo è l’obiettivo di Schuman, pubblicare foto scattate in giro per il mondo a coloro che si distinguono interpretando uno stile personale e unico, distinto dalla massa. The Sartorialist non impone un canone e delle regole, ma definisce una sua visione, dando però a chiunque la possibilità di averne una propria.

Ispirati così dal suo pensiero ci siamo messi alla prova girando per le strade di Milano alla ricerca di molteplici sartorialist osservando come ognuno di noi notasse soggetti differenti secondo il suo gusto.

Dunque, chi è per voi un Sartorialist? Volete accettare la nostra sfida? Allora, provate a pensare a tutte le volte che, passeggiando o in coda per salire sul tram, avete notato quell’eccentrico paio di scarpe, o una ragazza con dei fiori in testa…non saranno anche loro dei Sartorialist? Una volta chiarite le idee, mandateci le foto dei Sartorialist che incroceranno le vostre future camminate… Facciamo così vedere a Lino e alle altre icone di stile nostrane che il buon gusto italiano non si smentisce mai…

UnknownsdfdsdUnknownUnknowndfdsfUnknownwre1179Lino2lores.jpg

 

Fiammetta Bacci

Rebecca Ciccia

Lorenzo Malerba

Giulia Palma

Laura Ruspi

Elisa Santandrea

MILANO & DESIGN

Nuovo master, nuove persone… E quale miglior modo di conoscere i propri compagni di avventura se non attraverso un’attività di team building, magari all’aria aperta, in giro per Milano, alla scoperta di temi legati a questa città.

In due giorni abbiamo realizzato un reportage su “Milano e il Design” che mette in risalto le più svariate manifestazioni del design all’interno del contesto urbano: nella moda con il concept store Tea Rose, nell’arte e nell’architettura con la Fondazione Franco Albini, nei fiori con Armani Fiori e l’interior design con lo store Seletti.

Dopo 9 chilometri, caldo afoso e niente pausa pranzo, ci siamo imbattute nella fantastica, floreale, coloratissima vetrina di Tea Rose. Rapite dal fascino degli abiti, dalle essenze floreali che hanno inebriato i nostri sensi, non abbiamo potuto far altro che entrare per capire cosa si celasse dietro il concept di Tea Rose. Purtroppo però, a nostro malincuore, l’emozione è svanita presto, esattamente quando la store manager non ha voluto o potuto dar corda alla nostra curiosità.

FullSizeRender-1

Qualche chilometro dopo, finalmente la dea bendata ha deciso di prenderci a braccetto e di condurci nel chiostro della rinomata Fondazione Albini. Grazie alla nostra audacia siamo riuscite ad intervistare l’architetto Marco Albini, presentandoci come “Il Sole24Ore”, ma omettendo astutamente di essere delle masterine. Una volta varcata la soglia della Fondazione, nel bel mezzo di uno shooting fotografico, l’architetto ci ha raccontato come Milano sia legata al design da sempre e come sia diventata un centro nevralgico che richiama ogni anno, soprattutto durante il Salone del Mobile, una moltitudine di persone.

Alla disperata ricerca di refrigerio, passeggiando per Corso Garibaldi, siamo rimaste colpite dai prodotti particolari che componevano le vetrine dello store Seletti, brand made in Italy di interior design. Con uno slancio di sfrontatezza abbiamo chiesto alla responsabile del negozio se potesse metterci in contatto con in designer, per un’intervista telefonica last minute. Anche in questo caso, la fortuna è stata dalla nostra parte e siamo riuscite nell’ardua impresa. Stefano Seletti definisce Milano come:

” La città con il maggior numero di punti vendita al mondo che offrono design. Non esiste altro luogo in cui si possa trovare una selezione così ampia di oggetti ma anche di realtà distributive legate a questa merceologia.”

FullSizeRender

Questa nostra ricerca intendeva analizzare, per quanto possibile, le diverse opinioni contrastanti sul design, dato che molti dei nostri coetanei, noi comprese, nn riescono a darne una definizione, soprattutto a causa dell’estensione dell’argomento e la sua versatilità nei vari settori. Purtroppo abbiamo notato che, nonostante il Design sia un filo conduttore che lega Milano alle sue mille realtà, solo alcuni settori favoriscono l’apertura e la conoscenza fruibile a tutti.

Questa entusiasmante giornata ci ha permesso di elaborare una riflessione comune:

Il design non è una disciplina codificata, coinvolge molteplici mondi, bagna le coste dell’arte, della moda, dell’architettura, dell’invenzione e della scienza. Presta attenzione al dettaglio, alla semplificazione, alla sensibilità nell’esperienza dell’acquisto. Si concentra sulle emozioni che forme e materiali di un oggetto possono stimolare. Appartiene a molti, ma la sua essenza è conosciuta da pochi.        Il design attraversa Milano come un filo attraversa la stoffa in cui è tessuto. Osserviamolo e impariamo a cucire.

IMG-7863

 

Marta Bettini

Erica Bonelli

Serena piccoli

Alessia Santoro

Maria Rosaria Simonetti

Emma Tironi

La Moda veste Arte

schermata-2016-11-03-alle-09-34-23

Questa è una storia di talenti, arte e passione.
Rendere unico ogni istante, ogni uomo, ogni oggetto raccontando un’esperienza: questo è il desiderio che traspare dagli occhi di Silvia Scaramucci quando si racconta.

schermata-2016-11-02-alle-22-30-43
A collaborare con lei, per realizzare opere uniche e irripetibili, un team di giovani creativi: designer, artisti, scultori, pittori, ricamatori e orafi, contraddistinti dalla capacità di plasmare opere d’arte su pellami tramite tecniche studiate ad hoc.

schermata-2016-11-02-alle-22-36-57schermata-2016-11-02-alle-22-37-14

La parola d’ordine è personalizzazione: il cliente vive una vera e propria esperienza attraverso un percorso che parte dalla scelta dell’artista e dell’opera che diverrà la sua borsa. Il tutto declinato in due linee: Unique una borsa prodotta in un esemplare unico e Limited un’unica opera che prende forma su 100 pezzi diversi.

schermata-2016-11-02-alle-22-44-09

schermata-2016-11-02-alle-22-46-29

schermata-2016-11-02-alle-22-58-32

Ogni borsa è un’alchimia di elementi che rende l’arte un piacere fruibile ogni giorno, senza alcun tipo di barriera o intermediari.
Un prodotto mai uguale e irripetibile, creato con forte passione, energia e coraggio. Storie di ragazzi che costruiscono i propri sogni.

schermata-2016-11-02-alle-22-50-07
Ogni pezzo è accompagnato da un “Artist Identity Kit”, grazie al quale è possibile visionare il curriculum dell’artista, il video di creazione dell’opera e la tecnica utilizzata.


www.demanumea.com

Corinne Capurso
Valentina Drago
Sofia La Porta
Maddalena Risetti
Mariacarla Sala
Cesare Zucchia

Sartoria 3.0

20160518_140418

Come rendere innovativo e all’avanguardia un mondo tradizionale come quello del Made to Measure?

In una realtà dove tutto sembra orientarsi verso l’online, l’unico settore che apparentemente non avrebbe potuto adeguarsi a questa trasformazione è proprio il mondo della sartoria.

20160518_135739

Lanieri, una start up fondata da due trentenni, Riccardo Schiavotto e Simone Maggi, nasce nel 2012 con l’obiettivo di stravolgere le regole dell’abito su misura, spostando il focus dalla vecchia idea di sartoria alla dimensione digitale, ma mantenendo il livello qualitativo atteso.

lanieri_logo_italian

La vera rivoluzione è stata l’invenzione di un algoritmo che traduce le misure anatomiche nel fitting perfetto.

Abbiamo avuto la fortuna di poter visitare il loro atelier milanese, dove Riccardo ci ha spiegato come i loro clienti acquistano un abito. L’unica differenza tra l’esperienza online e offline è la modalità di avvio: in store le misure vengono prese attraverso un body scanner 3D, a casa attraverso un semplice tutorial presente sul loro sito. Si crea in questo modo un database, in cui rimangono salvate le misure utilizzabili per un nuovo ordine.

20160518_135749

Nel mondo Lanieri l’atelier non è più il centro attorno al quale ruota l’intero processo sartoriale ma è di puro supporto al cliente: lo scopo è di sensibilizzarlo al mondo digitale.

Come?

Vai sul sito

stamp1


Prendi le misure

stamp2

Personalizza

stamp3

E… il gioco è fatto!

20160518_140402

Enrica Bovetti

Nicolò Contorno

Susanna Mandelli

Asia Guia Marzoni

Vittoria Miranda

Lodovica Pugassi

Milano & Il Design

Milano è considerata la capitale del design grazie anche all’evento che è espressione a livello internazionale del talento creativo: Il Salone Internazionale del Mobile, che quest’anno è arrivato alla sua 55° edizione e che ha raggiunto un afflusso record di visitatori, con quota 372mila.

Salone del mobile

Il Salone Internazionale del Mobile non è la sola ragione per la quale Milano è considerata capitale del design, sono diverse, infatti, le iniziative promosse dalla città a favore degli artisti affermati, ma anche emergenti. La presenza di numerosi showroom garantisce anche ai nuovi talenti di poter esporre il proprio lavoro, la Triennale Design Museum, primo museo del design italiano, ospita sempre una serie di rappresentazioni che mettono in evidenza il design italiano, e non dimentichiamoci l’evento Expo dello scorso anno!

Milano è design e soprattutto opportunità per i designer:

“È un centro nevralgico che, in particolare durante il salone del mobile, diventa un incontro per il mondo del design a livello mondiale. […] Per un giovane designer diventa importantissimo poterci essere ed emergere con i propri progetti.”

“Milano resta la culla del design, per noi è un luogo fondamentale nonché il punto di partenza del nostro percorso professionale.”

Queste sono alcune delle riflessioni emerse dall’intervista che ci è stata rilasciata da Daniele Bortotto dello Studio Zanellato/Bortotto, studio di design fondato a Treviso da Giorgia Zanellato e Daniele Bortotto. Il loro percorso inizia nel 2013 con il progetto Acqua Alta presentato al Salone Satellite di Milano, una manifestazione ormai storica, nata in fiera e dedicata ai più giovani per far emergere i loro progetti.

Acqua Alta

In questo evento i due designer hanno intrecciato alcuni dei rapporti per loro più importanti, che conservano ancora oggi, e che hanno dato stimolo a molti dei progetti successivi e collaborazioni importanti.

Ci siamo lasciate ispirare andando insieme in giro per la città e scoprendo come il design combini ogni forma creativa, ed è per questo che abbiamo scelto di interpretarlo e collegarlo a tre diverse aree tematiche :

  • Il Design & la Moda

Durante la settimana del mobile, le vie più fashion di Milano si trasformano in vere e proprie location esclusive dove si tengono vari eventi dedicati al Fuorisalone. Grazie alla collaborazione con i marchi di design, i negozi del quadrilatero allestiscono le vetrine con le ultime opere create dai designer.

Molteni

Un esempio di successo è stata la collaborazione tra il brand La Perla e il designer Walter Terruso che é riuscito a creare un prodotto che rappresenta pienamente l’eleganza del marchio. Si tratta di Mia / Vanity Table, il mobile toeletta che continua a rimanere esposto nella vetrina della boutique di Via Montenapoleone, destando la curiosità di molti turisti e appassionati di design.

Vanity La Perla.png

Il connubio tra design e moda in questa settimana permette una maggiore visibilità per i marchi di design, poiché le loro opere vengono esposte nelle vie più famose dello shopping milanese. Anche le boutique e i negozi traggono vantaggi di tipo redditivo, grazie all’alta affluenza di collaboratori da tutto il mondo.

  • Il Design & l’Hotellerie

L’Hotellerie ben rappresenta Milano & il Design perché diversi hotel hanno ospitato molti eventi e  installazioni di numerosi artisti durante lo scorso Salone del Mobile. All’interno del giardino del Bulgari Hotel è stata posizionata un’opera realizzata dallo studio londinese NaNa, che con i suoi 18 cerchi in acciaio celebrava l’anello BZero1, gioiello divenuto ormai simbolo del brand.

Bulgari Garden

Anche l’Hotel Magna Pars Suites Milano, il primo Hotel à Parfume al mondo, ha ospitato diverse opere di design di artisti italiani e stranieri.

Al Magna Pars Suites Milano  il Made in Italy e l’eccellenza italiana trovano la loro massima valorizzazione.Magna Pars .png

L’ eccellenza artigianale degli arredi e l’alta tecnologia che compongono gli spazi comuni hanno fatto del Made in Italy e della sostenibilità ambientale il loro stile identitario.

Le 39 suites sono ispirate a note olfattive fiorite, fruttate o legnose, in linea con la storia del luogo e arricchite dalle opere d’arte degli studenti dell’Accademia di Brera.

  • Il Design & l’Urbanistica

Per quanto riguarda l’applicazione del design all’urbanistica milanese, ne è un esempio perfetto Piazza Gae Aulenti. Una piazza di forma circolare ubicata nel Centro Direzionale di Milano, utilizzata come scenografia di innumerevoli spot e servizi fotografici, nonché come ambientazione di eventi musicali e sociali.

Piazza Gae Aulenti

E’ considerata emblema della Milano contemporanea per il suo aspetto futuristico, reso tale dalla presenza di opere di design come il Solar Tree, le fontane a sfioro e le voci della città di Alberto Garutti (una scultura di 23 tubi simili a delle trombe che si diramano e collegano i vari piani sottostanti la piazza). Anche gli edifici che si affacciano sulla piazza tra cui la torre Unicredit con la sua guglia “a spire”, l’Unicredit Pavillon, le torri B e C, gli edifici E1-E2, contribuiscono a renderne l’aspetto molto moderno.

Unicredit.png

Proprio nelle vicinanze di Piazza Gae Aulenti sorge il Bosco Verticale: un complesso residenziale costituito da due palazzi, progettato da Boeri Studio (2014) ed eletto nel 2015 “grattacielo più bello e innovativo del mondo”. Questo riconoscimento gli è stato attribuito grazie alla presenza di più di duemila piante collocate sui balconi, apportatrici di diversi benefici alla zona urbana circostante, ma anzitutto fonte di un suggestivo spettacolo visivo.

Bosco verticale.png

Infine, sempre a due passi da Piazza Gae Aulenti, ma dalla parte opposta rispetto al “Bosco Verticale”, si trova 10 Corso Como: uno spazio multiculturale progettato nel 1991 e frutto dell’estro delle sorelle Sozzani

10 corso como.png

Consiste in una location fashion e glamour, che attualmente vanta una galleria d’arte, un cafè immerso nel verde, un bookshop ed un negozio di moda e di design, primo concept store in Italia.

Sara Andrean

Nicole Beretta

Eleonora Bondioli

Elisabetta D’Affinito

Elisabetta Fumagalli

Giada Graziano

Serenella Venditti

 

 

Venini e l’isola di vetro

IMG_1883

Sabbia e fuoco, apparentemente diversi sono questi i due elementi che fondendosi danno vita al vetro. Tutto nasce sei mila anni fa, quando, come Plinio racconta, una notte dei mercanti Fenici si riposarono sulle rive del fiume Belo e per riscaldarsi accesero lì il fuoco. Continuando ad ardere sulla sabbia durante la notte, al loro risveglio trovarono una nuova materia.

Era nato il vetro.

Fase I

I veneziani, intuendo la potenzialità di questo nuovo materiale, eleggono l’isola di Murano centro produttivo e culla di questa nuova arte.  

Qui nel 1921 prende vita l’Azienda Venini. Da subito protagonista del distretto, contribuisce alla riqualificazione di un’attività tanto antica quanto unica nel suo genere. La maison del vetro è un vero esempio di tradizione e innovazione. Grazie alle continue collaborazioni con artisti e designer internazionali trova il perfetto connubio che ha contribuito ad affermarne lo spazio nel panorama del lusso. La destrezza con cui gli artigiani modellano la materia incandescente è davvero insostituibile e attraverso i loro gesti il vetro assume le forme più inaspettate.

Seconda parte del processo, il lavoro a freddo

Oggi Venini e gli altri maestri vetrai tramandano con passione la storia e il pregio di quest’arte, testimonianza di un artigianato incorruttibile ed eterno. L’eredità del brand è fatta di opere, fotografie, disegni e scritti che confermano uno straordinario lavoro totalmente italiano, riuscendo a toccare, oltre che la bellezza estetica, quella sfera emozionale che l’effimero mondo del lusso spesso rischia di dimenticare. 

La Firma

 

Valeria Brazzoli

Carlo Cirillo

Anna Maria Kinsky Dal Borgo

Francesca Pollastro

Erica Renzoni

Camilla Titomanlio

FONDAZIONE PRADA: QUANDO L’ARTE E IL DESIGN RIDANNO VITA ALLA PERIFERIA URBANA

La Fondazione Prada si erige in una di quelle zone di Milano dove il passato si rigenera, una periferia a sud dello scalo ferroviario di Porta Romana caratterizzata da binari, fabbriche e torri dell’acqua. Si tratta, a tutta evidenza, di una culla della tradizione e della storia milanese che mostra di sé una possibilità di rinnovamento, un futuro da governare, un fascino potente, ma anche qualche rimpianto dei tempi che furono.

Il progetto curato dallo studio di architettura OMA di Rem Koolhaas, star olandese dell’architettura, concerne la trasformazione dell’area territoriale un tempo occupata dalla Sis, distilleria degli anni  ’10 del Novecento dedicata alla produzione del brandy Cavallino Rosso. Quasi 19mila metri quadri completamente ripensati e reinventati al fine di donare alla città meneghina un aureo aspetto che di incantevole conserva il fascino di una rinnovata offerta culturale. Sette edifici preesistenti sono stati recuperati (magazzini, laboratori, silos) e tre sono invece le strutture nuove (uno spazio espositivo per mostre temporanee, un cinema e una torre). La pregevole caratteristica architettonica della sede, sorta da un mix di ideazione e conservazione, è di avere ambienti diversissimi che coabitano: vecchio e nuovo, largo e stretto, aperto e chiuso, orizzontale e verticale. Non un sola grande fabbrica, ma una complessità di spazi, tematiche e valori. Anche i colori sono diversi, ma sapientemente armonizzati: il grigio del vecchio intonaco industriale incontra il nero, il bianco, e poi l’oro della palazzina “Haunted House” (in italiano casa degli spiriti).

12177973_10207909497079944_156524748_n

Sul muro grigio accanto al cancello, solo una scritta in neon sottile: è un po’ emblematica del sottotono che caratterizza il progetto.

fondazione_prada-2 OK

Subito dentro al cortile, a sinistra, un’altra piccola oasi bizzarra e colorata è il Bar Luce, progettato dal visionario regista americano Wes Anderson citando i vecchi bar milanesi degli anni Cinquanta: pavimento di graniglia, bancone di legno e formica verde, sedie in finta pelle a tinte vivaci, due flipper e un jukebox e, sui muri, una tappezzeria che riproduce le decorazioni della Galleria Vittorio Emanuele. Qui é possibile degustare e apprezzare anche solo visivamente file di sifoni del selz e bottiglie di liquori d’epoca.

IMG_7447

I cortili, pavimentati in gran parte come le officine di una volta ( tronchetti quadrati di legno accostati come sanpietrini)  conducono ad un grande nuovo edificio chiamato Podium, ospitante la “Serial Classic”’, curata da Salvatore Settis e Anna Anguissola con la finalità di insegnare che la classicità romana e greca viveva anche di serialitàà e di ripetizione di un originale. Nella stessa galleria è possibile visitare anche lamostra “In Part” a cura di Nicholas Cullinan, una raccolta di opere che illustrano l’idea del frammento corporeo: Cattelan, Fontana, David Hockney, Vezzoli, Pistoletto, Klein, Picabia e, ancora, Rauschenberg, Charles Atlas, Richard Serra e Bruce Nauman. E, ancora, é stata realizzata la mostra “An Introduction”, un intenso accenno espositivo a un percorso tra istituzionale e personale sul modo di ricercare e collezionare, nato da un dialogo tra Miuccia Prada e Germano Celant.

Si inizia con una riflessione sul sé che si sviluppa in una scelta di territorio visuale, legato alle vicende artistiche degli anni Sessanta, dal New Dada alla Minimal Art. Una quadreria che indica un oscillare aperto e curioso verso l’arte e le sue manifestazioni. Nel Deposito (un enorme capannone) dove ci sono ‘veicoli d’artista’: Cadillac, furgoni, auto. La fondazione si pregia, poi, di essere caratterizzata dal cinema Arlecchino con un fregio in ceramica policroma di Lucio Fontana.Uno spazio sotterraneo ospita l’installazione permanente ‘Processo grottesco’ di Thomas Demand: la ricostruzione di una grotta, a migliaia di strati di cartoncino sottile.A ben vedere, la collezione è notevolissima, ma rinfranca anche la cura maniacale dei dettagli tipica del fashion system di cui il brand Prada è protagonista della scena mondiale.

In conclusione, la sede della Fondazione Prada è un regalo per Milano, a buon diritto definibile come una nuova forma di mecenatismo milanese resa possibile da un investimento economicamente molto cospicuo ,ma finalizzato alla realizzazione di una nobile causa: la riqualificazione del passato del capoluogo lombardo!

Serena Campisi

Alessia Farsetta

Paolo Ferri

Domenico Miranda

Mariangela Romanelli Grimaldi

Domenico Miranda

In diretta da Vogue Barbara presenta: Philippe Starck

Questa settimana riportiamo qui una voce dal master finita dritta su Vogue, per la precisione nel blog del direttore: Barbara Capone e il suo articolo su Philippe Starck. L’idea è nata durante la Design Week: un evento di portata internazionale che rende Milano famosa nel mondo, non solo per la moda. Barbara, da sempre amante dell’architettura essenziale, minimalista, quasi invisibile, ci parla di Philippe Starck, maestro delle linee pulite. Le collaborazioni di Barbara con Vogue risalgono ormai a quattro anni fa, quando tutto nacque per caso partecipando a bandi online per scrivere articoli…e da allora non ha più smesso!

“Difficile raccogliere in breve tutti i progetti e lavori che spaziano dall’architettura al design, dalle moto alla moda, del noto designer francese. Ma sicuramente il suo stile caratteristico è conosciuto ai più e definibile in breve: ironico, sorprendente, divertente ed eco

Nato a Parigi il 18 gennaio 1949, la sua fama di architetto francese lo precede in tutto il mondo. Il padre era un ingegnere aeronautico, professione che ha sempre ispirato il designer a creare e ad inventare oggetti dei più svariati tipi. Allievo dell’Ecole Nissim de Camondo a Parigi, ha dapprima dimostrato interesse per i mobili gonfiabili, idea che gli è valsa la stima di Pierre Cardin il quale gli ha offerto un lavoro come direttore artistico per la sua casa editrice. Qualche anno più tardi si è occupato dell’arredamento del Le Main Bleue a Montreuil e del leggendario nightclub parigino Les Bains Douches. Nel 1979 ha fondato il suo studio, la Starck Product, più tardi rinominato Ubik come il romanzo di Dick, headquarter da cui sono iniziate le sue collaborazioni più importanti a livello mondiale: Driade, Alessi, Kartell, Drimmer, Vitra e Disform.

Nel 1983 Starck è diventato famoso per aver decorato gli appartamenti privati dell’Eliseo e l’anno successivo è arrivato all’apice della sua fama con il progetto del Café Costes, considerato il caffè parigino per eccellenza, facendogli ricevere nel 1985 un riconoscimento onorario da parte dello stato francese. Nel 1989 ha cominciato a progettare palazzi in Giappone studiando nuove forme: Nani Nani, il primo dei suoi esperimenti nipponici, è un edificio antropomorfico ricoperto di materiali che mutano nel tempo. L’idea nasce dal fatto che l’architettura debba avere un impatto positivo sull’ambiente, coesistendo con esso senza contaminarlo. Un anno dopo, a Osaka, ha ricevuto l’incarico per la progettazione di Le Baron Vert, anche conosciuto come l’Asahi Beer Hall, sempre basato su un’idea di design eco-friendly. Il lavoro di Starck non è solo progettazione, è soprattutto ideologia: ogni prospetto racchiude in sé una sua allegoria. È il caso dei ristoranti Teatron in Messico, Teatriz a Madrid, La Cigale a Parigi e il Felix a Hong Kong.

Come un regista, il designer reinventa lo spazio teatrale dove si intrecciano storie, atti e colpi di scena. Segno immortale del suo gusto contemporaneo sono i numerosi hotel che ha progettato nel mondo: dal Royalton di New York, a Delano di Miami, dal The Clift in San Francisco all’hotel Fana in Buenos Aires, per finire con il Fasano di Rio de Janeiro. Questi alberghi di lusso, seguiti nel 2012 dalla progettazione per lo yatch di Steve Jobs, si distaccano dal concetto iniziato negli anni ’90 e dedicato alla democratizzazione dell’architettura: ha inizio così la costruzione del Paramount hotel a New York che offre stanze a 100 dollari e a Parigi del Mama Shelter, un posto dedicato alla condivisione di valori fondamentali quali onestà, umorismo e intelligenza. Un progetto che il designer pensa di proseguire anche in altre città quali Lione, Bordeaux e Istanbul. Un altro progetto originale è lo “YOO”, cominciato a Londra nel 2001, si è poi diffuso anche a Santa Fe nel 2008 e propone un lifestyle made-to-measure unendo in un unico spazio libertà, semplicità e flessibilità di visione architettonica, e solo nel 2009 ha registrato la costruzione di 50 palazzi in giro per il mondo. Per Starck l’architettura e il design non sono arti elitarie destinate a pochi: crede fortemente nella sincera e moderna eleganza che viene dalla moltiplicazione di un oggetto.

Spesso le sue creazioni nascono dall’idea di rivoluzionare un oggetto ordinario, come il celebre spremiagrumi Juicy Salif disegnato nel ’90 per Alessi. I suoi lavori hanno coinvolto anche il mondo della moda progettando scarpe per Puma, creando la linea di underwear “Starck Naked”, disegnando una collezione in cashmere per Ballantyne, e infine realizzando occhiali da vista ergonomici e bionici che si adattano al corpo umano. Sovversivo, etico, ecologico, politico e divertente: così continua ad essere il genio di Starck sotto l’egida ispiratrice di Jasmine Abdellatif, sua moglie, ma soprattutto sua musa.”

Segnaliamo qui sotto il link dell’articolo su Vogue:

http://www.vogue.it/magazine/blog-del-direttore/2015/09/4-settembre#sthash.hHCwwcW7.dpuf

#CelebratingMonogram

L’icona e gli iconoclasti.

Il nuovo progetto “Celebrating Monogram”della Maison Louis Vuitton arriva a Milano, e lo fa con una mostra interamente dedicata all’iconico logo nella splendida cornice di Palazzo Serbelloni.

1795335_10154846124045693_2659211578826498084_o

Da sempre il brand, caratterizzato da spirito creativo e pioneristico, fonde le barriere di arte, innovazione e artigianalità realizzando più che prodotti vere e proprie opere d’arte.

foto 3

E proprio a sei geniali artisti e Iconoclasti –Christian Louboutin, Cindy Sherman, Frank Gery, Karl Lagerfeld, Mark Newson e Rei Kawakubo– è stato chiesto di reinterpretare borse e bauli ponendo al centro il celebre Monogram e tutta l’innovazione e tradizione che da sempre incarna. Hanno avuto carta bianca per rappresentarlo con i loro occhi, realizzando creazioni assolutamente sorprendenti.

L’opera che più mi ha colpito è il carrellino della spesa realizzato da Louboutin: per lui il vero lusso è trovare il tempo per andare a fare la spesa al mercato, e allora perché non farlo con un oggetto altrettanto lussuoso?

foto 2(1)

L’esposizione presenta tutto il progetto dedicato all’iconico Monogram, a partire dai prodotti creati dagli Iconoclasti fino alla reinterpretazione di questi da parte di sei giovani talentuosi fotografi -Colin Dodgson, Gordon von Steiner, Jennifer Livingston, Johnny Dufort, Michael Avedon e Pierre Debusschere- che hanno completato l’opera e vinto la sfida lanciata dalla Maison.. Allo stesso modo hanno avuto totale libertà, nel rispetto dei valori del brand, per apporre la propria firma creativa ad una nuova visione del Monogram utilizzando immagini fotografiche e in movimento.

foto 2

Nel portare a termine questo percorso, i creatori di immagini hanno richiamato i temi e le ispirazioni originarie degli iconoclasti coinvolti nel progetto, utilizzando variamente le borse e i bauli da loro ideati.

Il risultato è stato straordinario e suggestivo…ma cosa ci si poteva aspettare se non eccellenza da “un gruppo di geni” così come li ha definiti Arnault!

Eleonora Ursini