FASHION REVOLUTION DAY

Il Fashion Revolution Day è una manifestazione mondiale, tenutasi per la prima volta lo scorso 24 Aprile 2014, il cui scopo è quello di sensibilizzare l’ opinione pubblica a prestare attenzione rispetto i capi che indossiamo.

La manifestazione è un modo per estendere il fattore “sentirsi bene con quello che indosso” a “ sentirsi bene con le condizioni in cui i prodotti che indosso vengono creati”.

15

L’evento segna il primo anniversario dal disastro della fabbrica Rana Plaza a Dhaka (Bangladesh) dove hanno perso la vita oltre 1000 persone.

Negli anni antecedenti questo disastro, più di 2000 persone operanti nel settore tessile/abbigliamento in Bangladesh persero la vita, ma trattandosi di piccoli disastri o incendi cadauno, non fecero mai notizia.

Testimonianze raccontano che proprio in questo paese “ci sono guardie armate che sorvegliano le porte degli edifici per controllare le intrusioni dei non graditi. All’interno

non c’è ventilazione e le finestre hanno le sbarre così che diventa impossibile fuggire in caso di incendio.

Le operaie hanno solamente due permessi al giorno per andare in bagno e devono produrre almeno 100 pezzi all’ ora!!!Eppure alla vista dei giornalisti implorano di non dire nulla per la paura di perdere il lavoro”.

800px-Dhaka_Savar_Building_Collapse-700x467

Oltre a chiedere ai brand di essere più trasparenti nell’ esplicare le fasi di produzione dei loro prodotti, si vuole sensibilizzare il consumatore riguardo i costi reali della moda e l’ impatto di questi in ogni fase del processo di produzione e di consumo.

“La fase critica avviene quando le persone pensano che sia un diritto comprare una maglietta a 5 euro’ poiché proprio lì, nel prezzo così democratico è nascosta la trappola tutt’ altro che democratica: di quel prezzo irrisorio che si paga, soltanto 1 cent. spetta all’ operaia che in Bangladesh, sfruttata, l’ha prodotto”.

Il vero problema è l’eccesiva velocità con cui consumiamo: si è diffusa tra tutti noi un’insaziabile fame di capi usa e getta che ci ha disabituato ad acquistare cose belle e soprattutto con una bella storia dietro.

6722_nh

Proprio per mantenere viva l’attenzione a riguardo, durante il Fashion Revolution Day migliaia di persone hanno indossato abiti a contrario, per esibire le etichette e quindi la provenienza dei propri vestiti.

L’iniziativa globale vuole infatti portare le persone di tutto il mondo a chiedersi quale sia la provenienza degli abiti che indossano ed a interrogarsi sulle condizioni in cui migliaia di operai tutt’ oggi sono costretti a lavorare in totale mancanza di sicurezza e dignità.

Fashion-Revolution-Day-2

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...