LET’S TAKE A SELFIE WITH… GIUSEPPE SANTONI!

Giuseppe Sanoni, AD del brand Santoni, incontra la classe del master per raccontare come la qualità del loro prodotto stia nell’attenzione al lavoro quotidiano e al cercare di migliorarsi sempre. Una chiacchierata tra storia dell’artigianalità e consigli per il futuro

But first…let’s take a selfie together!

GIUSEPPE SANTONI

Giuseppe Santoni dichiara di essere appassionato di cose belle ed è questo il primo pilastro per trasmettere eccellenza e qualità. Una nota curiosa: un brand totalmente italiano, nato nel cuore delle marche, ma che si fa conoscere e cresce soprattutto all’estero, con le esportazioni che toccano circa l’80% e vedono come mercato principale gli Stati Uniti, principale Paese d’esportazione dagli arbori dell’azienda negli anni ’70.

Tutte le aziende italiane, quando raccontano di sè, si proclamano difensori del made in Italy e del fatto a mano, ma, come ci dice Santoni, “ci sono mani e mani!”: infatti nel laboratorio marchigiano non esiste nessuna forma di automazione produttiva, ma la creazione della scarpa è affidata a gruppi di lavoro di massimo 20 persone con a capo un mastro artigiano. Un processo lontano dagli schemi dell’ottimizzazione industriale e ancora legato soprattutto agli uomini.

SANTONI

Il principale attore di tutta la filiera resta il prodotto, è lui il vero valore aggiunto di Santoni! Dalla scarpa maschile, il brand ha cercato di specializzarsi anche nella calzatura femminile, che segue logiche e stili totalmente differenti. Così Santoni sta attraversando un processo di crescita e ampliamento, affermandosi come una storia di successo in un periodo in cui servono storie e racconti positivi per uscire dal periodo di recessione.

Santoni è una storia di successo anche per il suo modo di adattarsi e modificarsi secondo il contesto economico in cui ci troviamo, infatti racconta che nella gestione di un’azienda conta sempre di più la regola dell’equilibrio e della velocità, ed è solo diventando dinamici e flessibili che anche i piccoli player possono cercare di stare al passo con i grandi gruppi e i colossi della moda, che sempre più si espandono ed acquisiscono brand.

Il mondo del lavoro è complesso e difficile, nel panorama della moda ci sono tante aziende con storie interessanti, ma forse troppo poche hanno valori veri. Così, per salutarci, Santoni ci ricorda di accendere la nostra passione come motore del lavoro quotidiano e di buttarsi nelle esperienze dando sempre il meglio!

CON GIUSEPPE SANTONI

Riccardo Cavallin Sartori & Giulia Cestaro

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...