UN’INSOLITA GIORNATA IN STORE

Lavorando da tempo in un negozio di abbigliamento sono ormai abituato a vederne di cotte e di crude ogni fine settimana. Tra personaggi bizzarri, a volte anche famosi, richieste inusuali e imprevisti all’ordine del giorno, è raro che accada qualcosa che attiri la mia attenzione.

mistery shopper

Lo scorso sabato, tra le solite richieste di sconti senza perché, clienti che litigano tra loro e bambini che giocano a palla in negozio usando i manichini come pali, sembrava quasi un sabato come tanti altri, ma è successo qualcosa di insolito.

E’ primo pomeriggio quando entra una ragazza in negozio. E’ sola, indossa un impermeabile rosso e ha i capelli raccolti in uno chignon. Dopo essersi soffermata a guardare una borsa in pelle si dirige con passo deciso verso il mio collega, al quale chiede un’infinità di dettagli sulla borsa in questione, possibili abbinamenti, eventuali consigli, mettendolo anche un po’ in difficoltà. Lui se la cava bene, a lei borsa piace, è quasi convinta ad acquistarla, ma prima di spendere quei soldi vuole il parere della sua amica, che al momento è in un altro negozio. Decide quindi di passare dopo, recupera la sua amica e torna.

E’ passata più di un’ora ormai, la ragazza con l’impermeabile rosso non si è più vista, e non credo passerà più, quando entra un ragazzo sui trentacinque anni, anche lui solo. E’ la persona più indecisa che io abbia mai visto nello scegliere un paio di jeans. “Mi fai provare un modello più stretto? No, stretto non mi sta bene, ho le gambe grosse. Se provassi un modello più scuro? però scuri li ho già. Questi sono carini, però mi fai riprovare quelli di prima?” Il tutto provando dozzine e dozzine di jeans. Ha bisogno di essere convinto, di sentirsi fare qualche apprezzamento in più dalla mia collega. Finalmente, dopo averlo coccolato un po’, si decide all’acquisto e abbina anche un paio di scarpe. Arrivato alla cassa paga con bancomat. Non funziona. Me ne dà un altro. Non funziona. Va prendere i soldi in macchina.

Sono le cinque ormai e non ho più visto né la ragazza con l’impermeabile rosso, né il ragazzo dei jeans. Mentre mi accingo a togliere dalla cassa la borsa, le scarpe e i jeans, che ho tenuto da parte inutilmente, entra una donna sulla quarantina, anche lei sola. Attira subito la mia attenzione con lo sguardo. Ha i capelli ricci biondi, è sensuale e si muove in maniera sinuosa. E’ consapevole di essere una bella donna. Cerca un tailleur per un evento importante. E’ solo un po’ indecisa sulla gonna a tubino, ma si convince in poco tempo. Arriva in cassa, mi guarda insistentemente ma cerco di non farci caso, paga e se ne va.

“Beh, che c’è di strano?” direte voi. Nonostante sembra non esserci nulla di insolito in questo racconto, qualcosa di strano accade. Dopo una decina di minuti entra in negozio un gruppetto di tre persone, due donne e un uomo. Ci metto un attimo a riconoscere la ragazza con l’impermeabile rosso, il ragazzo dei jeans e la donna sulla quarantina, tutti e tre insieme. Ora sono vestiti di nero, e vengono diretti verso la cassa. “Devo fare un reso” dice la donna porgendomi il sacchetto con il tailleur, “Siamo mistery shopper”.

Inutile descrivere il sorriso misto a paresi che mi si è stampato in viso in un primo momento.

spy

Una volta spezzata l’aria di tensione e scambiato due chiacchiere, i personaggi, non più tanto misteriosi, ci hanno lasciati. L’esito di questa simpatica visita aziendale ancora non è noto, ma le sensazioni suscitate sono molteplici. Tra l’iniziale timore di aver sbagliato qualcosa, misto alla speranza sia di essere stato impeccabile nel servizio, sia di ricevere un buon giudizio, ne ho tratto un grande insegnamento, sempre tenere la guardia alta, mai sottovalutare anche la più semplice delle situazioni e prendersi cura di ogni dettaglio al fine di garantire sempre e a chiunque un servizio eccellente.

Elia Ruben

Advertisements

One thought on “UN’INSOLITA GIORNATA IN STORE

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...