IL CIBO VA DI MODA

Due mondi apparentemente lontani ma sempre più vicini negli ultimi anni: cibo e moda. A dimostrarlo sono le sfilate di numerosi stilisti che si ispirano all’alimentazione dando vita a creazioni sempre più sorprendenti.

Nel 2014 alla Fashion week milanese Jeremy Scott debutta come direttore creativo per Moschino presentando una collezione ispirata al più famoso dei fast food americani: Mc Donald’s! Giocando con

l’ iniziale dei due loghi ha creato una “M” gialla che ricorda un cuore e l’ha inserita a caratteri cubitali su maxi maglie e accessori.

Anche Chanel si diverte a provocare facendo sfilare le modelle in una location tutt’altro che scontata: gli scaffali di un supermercato!

 image003

Prada non è da meno: programma da Harrod’s a Londra l’apertura del Pradasphere Bar nel quale racconterà la storia del suo marchio.

L’interesse crescente della moda per il mondo del food non si esprime solo attraverso l’estro degli stilisti, ma si è tradotto in acquisizioni da parte dei principali gruppi del lusso: LVMH e il Gruppo Prada hanno acquistato rispettivamente Cova e Marchesi, due storiche pasticcerie milanesi.

Credo si tratti di ottimi esempi di genialità e marketing, ma perché non sfruttare queste iniziative per affrontare una tematica sensibile come quella dei disturbi alimentari di cui è sempre molto difficile parlare nel mondo della moda ?

Eleonora Ursini

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...