“COOKING COUTURE”: sfilata da gustare

Dolce & Gabbana è una cassetta ortolana, Prada una scarpetta di radicchio sottovuoto, Missoni un collage di lasagne… Questo è Cooking Couture, un libro che rappresenta lo stile italiano dalle passerelle alla tavola.

 Haute couture e cucina d’autore fanno parte dello stesso universo, per lo meno creativo. Si tratta infatti di due arti dietro le quali sta tutta la magia e la maestria dei loro creatori.

Food and Fashion è una tendenza che si sta sempre più affermando e in cui il talento italiano ha una ragione in più per eccellere. Cooking Couture esplora il mondo della moda da una prospettiva diversa e punta sulla convergenza tra questi due mondi legati da bellezza e creatività.

Nato da un’idea di Amazon BuyVIP, lo Shopping Club di Amazon, il libro è scritto e curato da Gisella Borioli, giornalista autore e curatore di libri, mostre e programmi di arte e moda, fotografato da Giovanni Gastel, fotografo di fama internazionale che ha messo in scena le ricette appositamente create da Matias Perdomo, giovane chef stellato uruguaiano del ristorante Al Pont de Ferr di Milano.

Sono 11 gli stilisti che hanno ispirato le creazioni culinarie: Dolce&Gabbana, Costume National, Missoni, Versace, Etro, Marni, Antonio Marras, Prada, Giorgio Armani, Blumarine e Agatha Ruiz de la Prada; ogni piatto creato dallo chef non è soltanto ispirato agli abiti dei diversi designers ma ne racchiude lo stile, la storia e ciò che rappresentano.

image005image007image003

Come ad esempio quello ispirato a Prada: una scarpa fatta con radicchio trevigiano cucinato sottovuoto, sedano rapa per ricreare il tacco, foie gras e cavoli rossi per il pavimento; Perdomo stesso infatti afferma “Chi veste Prada ha una forte personalità perché sa portare vestiti dai colori e dalle forme impegnativi, quindi largo ai sapori forti come il radicchio o il cavolo rosso. Così ho fatto con tutti gli altri stilisti”.

Anche il piatto realizzato per Versace racconta la donna forte e indipendente ma che all’interno nasconde un animo più tenero che è sempre stata al centro delle collezioni della maison: una crema di zucca e limone che all’interno ha però solo la morbidezza della zucca e un tocco d’oro, il tutto appoggiato su una triglia con un velo d’argento.

Per Dolce e Gabbana invece la cassettina in legno contenente pomodorini, melanzane e polpi rappresenta perfettamente le origini siciliane e umili di Domenico Dolce.

Assaggi di moda, ricette creative, foto d’autore… dalle passerelle alla tavola il passo è meno lungo di quel che sembra.

Pamela Foti

image013 image011 image009 image019 image017 image015

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...