Way of life

20130620-130404.jpg

Partendo dal presupposto che anche se “Lusso” come parola ha un origine ben definita, l’applicazione del concetto varia in base a educazione, esperienza, background and so on. Dipende molto anche dall’età. Quando avevo quindici anni per me possedere un certo paio di scarpe logate era questione di vita o di morte, faceva la differenza tra essere nel gruppo cool o nel gruppo degli sfigati.

Ripensandoci ero il prototipo di una neo arricchita russa, senza le labbra gonfiate.
Oggi, dall’alto dei miei 25 anni da ragazza irrequieta e globetrotter, con la maggior parte della vita assorbita dal lavoro, studio e impegni che se potessi probabilmente salterei a piè pari, il concetto di lusso per me é cambiato. Completamente. Ho superato la fase show off e sono entrata nella fase way of life.

Questo non vuol dire che ho un sacco di soldi da sperperare, ma che nel mio piccolo, mi sono creata equilibrio, un idea di lusso su misura per me.
Cioè potermi permettere quattro giorni in Vietnam, a Mui Ne, in cui passo la mia giornata attaccata ad una vela con una tavola ai piedi.
Svegliarmi, in montagna, la mattina alle tre, fare due ore di camminata ed arrivare in vetta nel momento preciso in cui si risveglia il gallo ed inizia il suo canto di corteggiamento.

Il lusso per me, é una cosa, che anche dopo anni, quando ci ripensi ti fa venire il sorriso sulle labbra.

Poi magari leggendo ciò potreste pensare che io viva in una casa spoglia e abbia un armadio vuoto. Non é cosí, ma vi sfido a mettere in valigia, quando state per partire, tutte le vostre borse, scarpe, etc.. e i vostri ricordi dell’ ultima volta che siete andati a sciare nella neve fresca, o della vacanza fatta con gli amici ad esplorare gli angoli remoti della Cina, dove ce ne stanno di più? E quali alla fine della fiera utilizzate di più nel costruire la vostra vita di tutti i giorni? Che formeranno il vostro “IO”?

Certo, se qualcuno mi regalasse una servizio piatti da casa di Meissen di certo non ci sputerei sopra, ma se dovessi scegliere preferisco di gran lunga un salto col parapendio, o se proprio vi sentite in vena, il brevetto per diventare pilota d’elicottero!

Guendalina Dal Pozzo d’Annone

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...