Future concept lab: le nuove tendenze nel retail 1/2

Si è concluso giovedì il ciclo di seminari di Future Concept Lab dal titolo “La fine di un mondo… e le mappe per costruire il nuovo mercato globale”, quattro incontri che hanno avuto inizio ad aprile e con i quali è stato presentato un vero e proprio viaggio tra le tendenze del futuro in tema di estetiche, consumi, comunicazione e retail.

Tanti gli ospiti in sala che hanno presentato di volta in volta casi aziendali dal sapore innovativo, come esempio e testimonianza del nuovo mondo che si delinea.

Molto interessante anche la modalità di analisi delle diverse tendenze, arricchita da case histories provenienti da città di tutto il mondo, grazie alla collaborazione dei corrispondenti di Future Concept Lab.

Nell’ultimo incontro di giovedì sul tema del retail, Francesco Morace e i suoi collaboratori hanno presentato un vero e proprio viaggio dalla fascinazione alla conquista, dalla ripresa di un passato nostalgico riproposto però in chiave contemporanea, alla vera e propria conquista di nuovi spazi e nuovi territori.

Tra i temi trattati lo sviluppo delle nuove tecnologie a lato dell’immortale importanza della fisicità, l’integrazione delle componenti online e offline, incarnata molto bene dal caso Burberry e dal suo store in Regent Street a Londra.

A tal proposito l’intervento di Luigi Rubinelli, giornalista e direttore di RetailWatch che ha mostrato nella sua introduzione al workshop, l’importanza dell’online e delle nuove tecnologie, di come esse non siano qualcosa di opposto al mondo retail ma anzi un ponte, un continuo rimando reciproco come nel caso dell’applicazione sviluppata da Westfield.

Spesso le iniziative improntate sull’uso delle nuove tecnologie non portano a risultati economici sorprendenti ma si rivelano vere e proprie azioni di comunicazione, che mettono in risalto il marchio e provocano un fortissimo eco mediatico.

Come già accennato, durante il seminario il tema del passato è stato centrale. Lo storytelling, il raccontarsi della marca con tutti i suoi valori chiave crea quel di più intangibile che attrae il consumatore. Un racconto però che non si ferma al richiamo nostalgico del passato e della storia, ma che viene riproposto in chiave contemporanea e che sposa perfettamente la necessità dell’uomo moderno di narrare se stesso e la propria vita.

Ludovica

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...