ARMANI SS 2013: ECCENTRICITÀ SOFISTICATA e MAGIA

La domenica del prêt-à-porter milanese si chiude con “Kaleidoscope” la collezione primavera estate 2013 di Giorgio Armani.

Dopo aver varcato la soglia dell’imponente Teatro Armani di Via Bergognone, creato dal rinomato architetto Tadao Ando, veniamo immediatamente catapultati in uno spazio dallo stile minimalista e dalle atmosfere zen.

Dopo una passeggiata di 100 metri in un corridoio arricchito da colonne squadrate, pareti ricurve e inclinate abbiamo modo di assistere ad un vero e proprio spettacolo di variazioni e sfumature che si ispirano all’universo, ai pianeti stampati e ricamati sugli abiti.

La sfilata mette in scena un trionfo di sete, chiffon e organza. Il tutto come osservato attraverso un caleidoscopio che scompone, rifrange e illumina. Fit morbidi e naturalmente decostruiti, composti da abiti e giacche dalle lavorazioni accurate, gonne che si allungano fino ai piedi e pantaloni fluidi che si alternano  a shorts e pantaloni stretti che si fermano sopra la caviglia.

Ai piedi le modelle indossano scarpe basse con il tacco d’argento, oppure a tacco alto, impreziosite da piccoli cristalli.

I colori prediletti da re Giorgio sono nero, turchese e grigio, accompagnati anche dal giada e dagli azzurri alternati al bianco. La notte si arricchisce di abiti sontuosi e impreziositi di cristalli o tuniche che richiamano le costellazioni, da noi particolarmente apprezzati.

Il tutto è leggero e volto ad un minimalismo e un’eleganza fatti di variazioni, accostamenti, luce, bagliori e riflessi. Alla fine della sfilata Giorgio Armani esce dalle quinte, saluta il pubblico fra le modelle allineate e si ferma a salutare volti noti come la tennista Serena Williams, accerchiato da fotografi e giornalisti.

Fra il pubblico presente abbiamo potuto poi riconoscere bellezze moderne come Kasia Smutniak , Margareth Madé e Nadege.

Nella sala adiacente alla sfilata ha luogo la mostra Eccentrico che mette in scena un Armani diverso, inedito, eccentrico. La grande sala buia e illuminata con luci che sembrano stelle mette in mostra abiti scultura e accessori creati dal 1985, alcuni facenti parte della collezione Armani Privé.

Fra lunghi abiti da sera super ricamati, capi sofisticati di gusto orientale e accessori pregiati ispirati all’Art Déco, spiccano gli abiti indossati da Lady Gaga e altri capi scelti da alcune star per i loro red carpet.

51 raffinate creazioni e oltre 200 accessori: tutti da ammirare, da lasciare a bocca aperta. Una meraviglia per gli occhi.

                  

 

                         

 

Natalia & Roberto

Annunci

4 Replies to “ARMANI SS 2013: ECCENTRICITÀ SOFISTICATA e MAGIA”

  1. Complimenti per aver scelto di commentare Giorgio Armani tra le varie sfilate della “settimana”. Penso che nel Made in Italy abbia lasciato e lascerà un segno indelebile e che abbia pensato e creato le cose giuste al momento giusto! Senza necessariamente stupire ed emozionare con eccessi. Ho letto nel Vs.articolo della mostra “Eccentrico” e mi chiedevo se e’ aperta al pubblico e fino a quando.
    Grazie e cordiali saluti
    Ignazio Ventimiglia

    Mi piace

  2. Grazie per il commento, un caposaldo del Made in Italy come Giorgio Armani non poteva essere ignorato ;). Purtroppo la mostra è durata solo una notte ma voci di corridoio (ossia voci del web) dicono che potrebbe essere riproposta altrove.
    Sono assolutamente d’accordo sull’importanza che la moda italiana ricopre a livello mondiale, qualche eccesso l’abbiamo visto in Fashion Week ma sempre in linea con il gusto e la creatività dei nostri geniali ed eccezionali designer e interpreti dei brand.
    Natalia

    Mi piace

    1. Pardon, non ho letto correttamente il suo commento e ho risposto ad un’altra cosa.

      Credo che Armani sia sempre stato coerente nel trasmettere la sua idea di minimalismo ed essenzialità; la sua è una moda semplice, chiara e pura. Rigore e pulizia sono i suoi punti forti ed è noto per la sua filosofia di sottrazione “meglio togliere che aggiungere”. Tuttavia la mostra Eccentrico ci ha piacevolmente stupiti, ci ha permesso di scoprire un Armani a 360° e di rilevare anche il suo lato più stravagante e strabiliante, quello che si allontana dall’idea di stilista purista e rigoroso dell’immaginario collettivo.
      Natalia

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...