Un castello delle fiabe nel centro di Milano

Affacciato su Piazza Tricolore a Milano, si alza imponente l’edificio progettato agli inizi del Novecento dall’architetto Paolo Mezzanotte, che oggi ospita lo spettacolare Château Monfort.
Se nelle fiabe la mezzanotte indica il momento di cambiamento, per Planetaria Hotels (Catena alberghiera della quale Château Monfort fa parte), l’architetto Mezzanotte ha dato l’occasione per un progetto unico.

La sofisticata ristrutturazione curata personalmente dall’Ammininstratore delegato di Planetaria Hotels, nonchè architetto Sofia Gioia Vedani, in collaborazione con lo studio FZI-Interiors, ha mantenuto lo charme dello storico edificio, integrandolo però con i migliori confort high-tech.

Lounge Mezzanotte

Il richiamo alle fiabe e al teatro è chiaro: varcata la porta d’entrata di questo Urban Château il visitatore si ritrova in un’altra dimensione e le suggestioni si susseguono frenetiche. Il pavimento è stato mantenuto, ove possibile, originale, come dimostra la scritta “Salve” all’entrata, o ricreato appositamente identico per non snaturare l’ambiente, come il logo dell’hotel.

Il personale, squisitamente gentile e disponibile, ti accoglie indossando delle divise di tonalità pastello che evocano gli abiti dei maggiordomi dei film di Walt Disney. Le pareti della hall sono arricchite da eleganti ed autentici affreschi monocromatici che rappresentano vari paesaggi sempre ideati dall’architetto Mezzanotte.

L’antica scala che porta alle stanze, con le suggestive lanterne

La musica a filodiffusione che si propaga dai soffitti decorati da stucchi e riccioli colorati, ti guida al Lounge Bar Mezzanotte, sovrastato da una cupola di vetro, creata appositamente per trasformare l’antico cortile in un giardino d’inverno da fiaba.

Particolare delle sedie nella sala da pranzo

Tutti gli arredi sono stati disegnati e creati unicamente per Château Monfort in stile fantasy: le sedie dallo schienale a forma di cuore, i pouf a forma di macaron e gli armadi in legno, con serratura over-size, dai quali civette dagli occhi gialli sembrano spiare gli ospiti.

Particolare dell’armadio in una delle camere

Le pareti dell’antica scala che porta ai piani, sono state arricchite da tapezzerie dai toni dorati con disegni di rami e foglie. Le porte delle stanze sono incorniciate da LED bianchi, per creare una sensazione di magia nell’ospite che vi accede. L’ala dell’hotel che ospita il Ristorante Rubacuori, aperto anche ai visitatori, incanta per la sua armonia: i lampadari composti da tazzine e cucchiaini trovano la collocazione perfetta tra specchiere decorate e abat-jour a forma di coniglio.

Particolare della specchiera nella Sala del Risveglio

La Sala della Caccia rievoca un casino di caccia grazie ai torfei in ceramica bianca che arricchiscono le pareti.

Sala della Caccia

Ciò che più mi ha colpito è però la Cella di Bacco: una piccola saletta dal soffitto a volta in mattoni rossi originali degli inizi del Novecento, che racchiude le migliori bottiglie mantenendone intatto il gusto. Se ad accogliere gli ospiti nella Cella svetta una cancellata originale dell’Ottocento, ciò che salta subito all’occhio è la statua/fontana di Bacco dalla quale sgorga il vino per i fortunati ospiti.

Cella di Bacco

Visitare Château Monfort è stato davvero un viaggio in un luogo incantato dove il cliente viene coccolato e si diverte, grazie ad un personale di ottima qualità e ad un ambiente unico nel suo genere.

Giulia Saccardi

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...