#Calabria: Ceci est une pipe!

foto malba

Questa non è una semplice pipa, ma una pipa di Calabria, eccellenza discreta di una terra in parte inesplorata, genuina e grezza, a tratti ancora rozza, rude, ma laboriosa, fatta di terre selvagge e silenziose, sapori, rabbia, peperoncino e tanto mare, ma fatta, soprattutto, di storie grandi di maestria ed abilità.

Questa pipa racconta la storia di un falegname, il maestro ebanista Domenico Grenci, che emigrato in America per necessità, fa del suo mestiere un’arte. La storia delle PIPE GRENCI inizia negli anni ’60, quando mastro Domenico decide di sfidare in bravura il proprietario di un piccolo negozio di pipe di Chicago, che colpito dalla sua abilità gli offre subito un lavoro ed una vetrina perché tutti potessero apprezzarlo all’opera.

Mastro Domenico sapeva che questo sodalizio gli avrebbe portato fortuna, vedeva quanto i suoi piccoli capolavori fossero apprezzati, ma sapeva anche che in Calabria aveva lasciato radici e famiglia. Nella sua terra mastro Domenico c’è voluto ritornare, dopo soli cinque anni di fortuna, lasciando Chicago, il laboratorio-vetrina, ma non le sue pipe, la sua maestria, il suo talento.

foto malba

Così, in un paesino calabro arroccato nel cuore delle serre, chiamato Brognaturo, ancora oggi si trova il laboratorio artigianale della famiglia Grenci. Qui fino al 1998 il mastro Domenico ha lavorato per anni la radica di Calabria per creare le sue belle pipe a finitura liscia apprezzate nel mondo dai veri intenditori. Il maestro ne produceva pochi ed unici esemplari, ma capolavori, spesso personalizzati, curati in ogni particolare per soddisfare ogni differente esigenza con l’attenzione di chi pensa al fumatore che le assaggerà (lo sapeva bene il Presidente Pertini che ne era un grande ammiratore e che nel 1997 lo insignì Cavaliere della Repubblica).

foto malba

Da paziente artigiano ebanista egli riservava ad ogni radice la scelta giusta, ad ogni taglio la sua sagoma, con il metodo e pazienza di sempre, e via con il procedimento di bollitura, con il particolare rituale per eliminare naturalmente il tannino dal legno che rende le sue pipe uniche al mondo, procedimento che con pazienza ha tramandato a suo figlio Vincenzo, che ancora oggi continua sapientemente la tradizione di famiglia.

foto malba

Le pipe Grenci, come allora, sono realizzate secondo il metodo tradizionale artigianale, stesso procedimento, lungo ed attento, stessa maestria e passione, stesso marchio di sempre Grenci Calabria-Italy. Come il padre così il sig. Vincenzo Grenci non si è piegato ai tempi ed alle logiche della lavorazione meccanica, e nel piccolo casalingo laboratorio ancora intaglia e vende l’eccellenza del made in Calabria.

Perché solo lì ogni radice può diventare una pipa, perché quei luoghi raccontano la sua storia, una storia di bella Calabria.

Marialba Consoli

Annunci

2 Replies to “#Calabria: Ceci est une pipe!”

  1. I collezionisti di pipe iniziano il loro cammino innamorandosi delle pipe Peterson inglesi.
    Guardando questo tipo di prodotto made in Italy, capisco che per innamorarsi non serve andare per forza fuori ma scovare il meglio che c’è attorno 🙂 ad maiora

    Mi piace

  2. Sono compiaciuto della bravura con cui Marialba ha esposto il lavoro che da anni eseguo! Come ha ben detto,la lavorazione non si è piegata alla tecnologia; l’unica evoluzione sarà aprire al più presto un sito Internet per la commercializzazione online del prodotto.
    Nell’attesa,per qualsiasi richiesta,lascio agli interessati il mio indirizzo e-mail: v.grenci@libero.it .
    Cordiali saluti. 🙂

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...