No wonder our perception of beauty is distorted

È uno dei video più gettonati e discussi della rete ma sempre attuale e ricco di spunti di riflessione. Il commercial di Dove, lanciato nel 2006 e vincitore di importanti premi come il Grand Prix di Cannes, mostra la trasformazione di una bella, ma “ordinary girl” in una donna visibilmente innaturale, dalla fisionomia del volto completamente modificata.

La nostra è un’epoca in cui la percezione distorta della bellezza e l’uso sfrenato di Photoshop e degli strumenti tecnologici più avanzati (per non parlare di ricorso a botox e chirurgia plastica) hanno preso il sopravvento, alterando palesemente la realtà e rendendo labile quel confine fra autenticità e bellezza irraggiungibile.

Tutto ciò naturalmente si sposa alla perfezione con le immagini proposte (e imposte) di modelle spigolose e visibilmente sottopeso che dominano le passerelle più celebri e le copertine delle più prestigiose riviste di moda mondiali.

Difficile estraniarsi totalmente da queste realtà e dall’esaltazione di queste passioni tristi, non ci resta altro che osservare il tutto con quel filo di criticità e distacco in noi rimasti o lasciarci tristemente influenzare dal culto della bellezza malata che ci circonda.

Mi viene naturale chiedermi quali saranno i modelli di riferimento dei miei figli un giorno (se mai ne avrò). Perchè per quanti  sani valori e principi riuscirò a loro trasmettere, ahimè non credo potrò farli girare bendati – e ad oggi non c’è dubbio sulla sempre più ampia gamma di poveri-adolescenti-inconsapevoli colpiti da quest’epidemia di pensiero.

Mi auguro solo altri spot come questi verranno diffusi (ed esaltati!) ulteriormente , le critiche sulla magrezza eccessiva continueranno ad emergere ed eredi di Karl Lagerfeld riusciranno a giudicare personaggi dello spettacolo come Adele per il loro talento e non guidati dalle loro ossessioni sull’apparenza (volendo poi ricordare ai cari lettori che, nonostante io abbia una forte stima nei suoi confronti e lo reputi genio incontrastato della moda,  solo fino a qualche anno fa aveva anche lui svariati chili di troppo!).

Comunque, lo so. Sono un’utopista innata.

E dopo queste riflessioni profonde vado a godermi un po’ di piscina, senza preoccuparmi del capello fuori posto o del brufolo di troppo causa alimentazione estiva rilassata.

Ciao a tutti, belli e brutti.

Natalia

Annunci

3 Replies to “No wonder our perception of beauty is distorted”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...