Se dico mazzetta voi a cosa pensate?

Io penso ai colori.

Chi conosce la PANTONE® sa che quest’azienda grafica statunitense ha messo a punto negli anni 50 un sistema per poter catalogare i colori secondo un classificazione standard divenuta internazionale (grazie ad un codice i colori vengono tradotti in un sistema di stampa evoluto, detto esacromia).

Emilie Guelp

L’oggetto che più desideravo da bambina era la mazzetta dei colori; quel caleidoscopico insieme di variopinte tinte era per me fonte di grande ispirazione emozionale, mi raccontava storie dai colori più sensibili, passando per le sfumature più profumate fino a vedere gli accenti cromatici più densi.

Dire semplicemente rosso può  non significare nulla, il rosso Ferrari non è il rosso Valentino, altro invece è parlare del cremisi, del magenta o del terra di Siena. Ogni cosa nel mondo ha un suo proprio colore ed ogni sfumatura racconta qualcosa di unico ed irripetibile, noi stessi siamo parte di questa natura e come individui ognuno di noi ha una sua peculiarità, un suo proprio colore.

Esistono molti progetti artistici che hanno come fil rouge la scala cromatica PANTONE®, tazze, sedie, custodie e altro, non ultima la mazzetta realizzata in onore della Regina Elisabetta che riporta le sfumature dei suoi famosi tailleurs indossati durante i 60 anni di regno.

Ma un’idea più di tutte mi ha affascinato. La fotografa e designer brasiliana Angelica Dass (Pantone 7522 C), con il suo ambizioso progetto HUMANAE, ha voluto catalogare le sfumature dell’umanità. Ha raccolto in scatti numerosi volti di differenti culture ed etnie ed ha assegnato alle diverse tonalità della pelle il codice identificativo della relativa nuance Pantone®.

fonte google- Foto di Angelica Dass

fonte google – Foto di Angelica Dass

Geniale il risultato, un punto di vista puro per comprendere l’essenza della diversità a confronto, per godere del cambio cromatico di ogni individuo, per assaporare quel colore, che spesso ha diviso, quale ricchezza di ciò siamo. Una emozionale mazzetta della cromaticità vivente, dove il colore si perde per lasciare il posto all’anima.

fonte google – Foto di Angelica Dass

fonte google – Foto di Angelica Dass

Il colore della mia pelle è il PANTONE® 722 C.

E tu di che colore sei?

 

 

 

 

 

 

 

 

Marialba Consoli

 

Annunci

One thought on “Se dico mazzetta voi a cosa pensate?

  1. L’esposizione è fluida,incisiva,puntuale e, a tratti,si coglie una garbata e simpatica ironia tendente ad alleggerire la trattazione dell’argomento. Modestamente hai tracciato di te un profilo “asettico”,io aggiungo:intelligente e colta- profonda nel pensiero- solare e bella. E il tuo bel viso dipinge i colori del tuo animo. T.V.B, ADA 49

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...