Brianza? NO! Elba!

Ero ormai rassegnata a passare l’estate 2011 tra il verde smeraldo del parco delle Groane e l’acqua cristallina delle piscine brianzole, quando un messaggio, tanto inatteso quanto gradito, mi comunica la possibilità di passare una settimana all’isola d’Elba…. perché no?!

Facciamo i bagagli in fretta e furia (la partenza è prevista tra quattro giorni) ci armiamo di biglietti e crema solare protezione 50 (si sa che l’abbronzatura ormai è out…o almeno per la mia dermatologa lo è sempre stata :D) e via alla volta di uno splendido isolotto in provincia di Livorno.
Dopo un viaggio di sei ore in treno, una mezz’ora di pullman e quaranta minuti di aliscafo, approdo a Portoferraio! E che la vacanza cominci! Ovviamente dopo due mesi di master il mio occhio è ormai allenato a riconoscere subito il vero lusso e all’Elba c’è né davvero tanto!
Trascorro le mie giornate tra mare (asciugamanoni e borsa frigo), motorino in due (affittato in loco, senza luci posteriori e col moroso preoccupato del mio equilibrio precario), gatti affamati, il gioco del Tontolone (vero incubo di questa stagione), bancarelle e Spritz (perché da brave brianzole, io e le mie amiche, riusciamo a trovare l’unico locale che fa un aperitivo degno di quelli meneghini).
Ma mentre io mi sollazzo con poco c’è chi si diverte a bordo del proprio Azimut o della sua “barchetta” a vela…. ovvio che scatta la fotografia! Non mancano, per questi cultori del lusso, i divertimenti: dallo stabilimento balneare privato, al ristorante sul lungomare dove sono servite ostriche e aragosta (io lì ci avrei mangiato, ma il Da ha detto che secondo lui non si mangiava poi così tanto bene….).


Mentre noi ci emozioniamo con “Meraviglioso” dei Negramaro guardando il riflesso della luna sul mare, le mille luci degli yacht tempestano quelle stesse acque lasciandosi dietro strisce invisibili di diamanti e champagne.
La cosa, tuttavia, più sorprendente di tutte, è che, mentre mi studio accuratamente Elle e Vogue con i relativi speciale accessori, speciale gioielli e speciale sfilate, mi accorgo che le nuove collezioni hanno già preso piede sull’isola tra i bagnanti: volti rossi rossi (ma veramente rossi) come nelle sfilate di Viktor&Rolf; pellicce (naturali) come i nuovi capi Gucci avvistate su pance e anche in luoghi che è meglio non nominare; gente pitonata dalla pelle squamosa come gli stivali di Prada (un must per la nuova stagione che a me è piaciuto davvero molto: pitonata sulla schiena, in testa, sulle braccia, sulle gambe….); animalier indossato ovunque e comunque alla Blumarine; serate di donne ricoperte da lustrini come le nuove Miu Miu e cappelli dalle tese larghe (in paglia style) alla Lanvin. Scopro inoltre con rinnovato terrore che le imitazioni hanno sempre un grande fascino e che in molte vantano al braccio una Louis Vuitton dai chiari connotati falsati….. -_-
Dopo sette giorni di pura follia, le valigie sono già da rifare ma prima di tornare nella mia terra della nebbia e dell’umidità, una grande sorpresa si affaccia da una pagina di “Very Elle shopping”: a pagina 48 c’è il nostro Master!!!!!!

Con il sorriso sulle labbra affronto un viaggio di ritorno degno dell’andata cercando di capire le regole del Cluedo e giocando a Macchiavelli. Alle 22 ecco che appare la stazione centrale: bentornati a casa!

Ile

Ah! un’ultima considerazione va alle letture estive: cari colleghi vi invito a leggere “Un regalo da Tiffany”….

Annunci

One Reply to “Brianza? NO! Elba!”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...